Gas Fluorurati

 

Gas Fluorurati

Registro telematico nazionale dei Gas Fluorurati

Cos'è


Il Registro telematico nazionale dei Gas Fluorurati è un sistema utile a rilevare le persone, le imprese e gli organismi coinvolti nel ciclo di vita dei gas-fluorurati. E’ è operativo dall’11 febbraio 2013.

L’iscrizione in tale registro non ha natura abilitante all’esercizio delle relative attività, in quanto la funzione demandata a detto registro è solo di pubblicità notizia.

I gas fluorurati - maggiori responsabili dell’inquinamento atmosferico – sono gli idrofluorocarburi (HFC), iperfluorocarburi (PFC) e l’esafluoruro di zolfo (SF6). Si tratta di gas estremamente persistenti nell'atmosfera, il che significa che i loro effetti durano a lungo dopo la loro emissione.



Dal 24 gennaio 2019 è entrato in vigore il DPR n. 146/2018 che, in attuazione del Regolamento (UE) n. 517/2014, ha apportato alcune modifiche in materia di gas fluorurati ad effetto serra rispetto a quanto previsto dall’abrogato DPR n. 43/2012:
Soggetti Obbligati

Tra i soggetti obbligati all'iscrizione rientrano le persone fisiche e le imprese che svolgono attività di:
  • installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d'aria e pompe di calore contenenti gas fluorurati ad effetto serra;
  • installazione manutenzione o riparazione di impianti fissi di protezione antincendio e di estintori contenenti gas fluorurati ad effetto serra;
  • recupero di gas fluorurati ad effetto serra dai commutatori ad alta tensione;
  • recupero di solventi a base di gas fluorurati ad effetto serra dalle apparecchiature che li contengono;
  • recupero di gas fluorurati ad effetto serra dagli impianti di condizionamento d'aria dei veicoli a motore.
Devono iscriversi al Registro anche le persone che lavorano presso le imprese che svolgono le attività di cui sopra.

Persone ed imprese dovranno poi, per poter svolgere l’attività, ottenere un certificato rilasciato dagli organismi di certificazione accreditati da Accredia e anch’essi tenuti ad iscriversi al registro.

Le iscrizioni di tutte le persone ed imprese già iscritte al Registro alla data di entrata in vigore del D.P.R. 146/2018 sono state convertite d’ufficio ai nuovi regolamenti. I certificati e gli attestati emessi restano validi.

Devono invece iscriversi al Registro:

  • Imprese e persone che operavano esclusivamente su celle frigorifere di rimorchi e autocarri o su commutatori elettrici o che svolgevano esclusivamente attività di smantellamento e quindi non rientravano nell’ambito di applicazione del DPR 43/2012 (le persone devono, dal 24 gennaio, essere in possesso di certificato per poter operare. Se certificate, devono chiedere all’organismo l’estensione del loro certificato).

Devono variare la propria iscrizione al Registro:

  • Imprese iscritte che svolgevano attività su apparecchiature fisse di refrigerazione, se vogliono operare anche su celle frigorifere di rimorchi e autocarri (che non rientravano nell’ambito di applicazione del DPR 43/2012).

Come iscriversi

Il Registro telematico nazionale delle persone e delle imprese certificate è gestito dalle Camere di commercio capoluogo di regione e di provincia autonoma, che iscrivono su domanda i soggetti obbligati e rilasciano i relativi attestati di iscrizione, esenzione, deroga e di riconoscimento dei certificati rilasciati in un altro Stato membro.

Per iscriversi è necessario disporre di firma digitale o SPID intestato a:

  • Legale rappresentante (nel caso di impresa)
  • Persona che si iscrive oppure ad un soggetto terzo delegato: in questo caso è necessario allegare delega e documento di identità del delegante.

Al momento dell’iscrizione vanno versati diritti di segreteria e imposta di bollo. L'iscrizione va fatta collegandosi al sito: https://www.fgas.it/



Importi da versare

Gli importi da versare sono i seguenti:
  • per iscrizione di persona fisica: diritto di segreteria di 13 euro e imposta di bollo di 16 euro;
  •  per iscrizione di impresa: diritto di segreteria di 21 euro e imposta di bollo di 16 euro.


Modalità di pagamento

Il pagamento può essere unico per l'imposta di bollo e il diritto di segreteria (per esempio 29 euro per l'iscrizione di una persona fisica e 37 euro per l'iscrizione di un'impresa), ma deve essere effettuato separatamente per ogni singola persona o impresa con le seguenti modalità:

  • C/C n° 1035797974 intestato a: Camera di Commercio del Molise con causale "Iscrizione Registro Gas Fluorurati" (inviare telematicamente la scansione del bollettino);
  •  tramite Telemaco Pay;
  • PagoPA;
  • con carta di credito;
  • tramite bonifico bancario utilizzando il seguente IBAN: IT42 Q030 6903 8051 0000 0046 056. Con questa modalità di pagamento è necessario allegare la ricevuta contabile che attesti l'avvenuto pagamento dei bonifici e che riporti:
    •  il numero di TRN/CRO;
    • i dati identificativi del soggetto richiedente l'iscrizione;
    • i dati identificativi del soggetto beneficiario;
    • nella causale deve essere riportato il tipo di domanda (iscrizione, variazione, cancellazione, etc.), il codice identificativo della pratica o il codice fiscale.

Non si può ritenere accoglibile la semplice disposizione di bonifico o le ricevute che riportino la dicitura "salvo buon fine"

Per ulteriori informazioni consultare il portale dedicato



Normativa

DPR n. 146/2018

Link utili



www.fgas.it

www.accredia.it

www.ecocamere.it

 

Contenuto aggiornato al:Giovedì, 30 Luglio, 2020 - 10:53