Firma digitale e CNS

 

LA FIRMA DIGITALE



La firma digitale è il risultato di una procedura informatica che consente a chi firma un documento digitale file di scrittura, foglio elettronico o immagine in tutti i formati autorizzati- di rendere manifesta e garantire:
  • l'autenticità , cioè che il documento è originale;
  • la paternità , ossia chi ha firmato il documento;
  • l'integrità , ovvero che il documento non sia stato modificato dopo essere stato firmato digitalmente.

La firma digitale può essere definita l'equivalente elettronico di una tradizionale firma apposta su carta, assumendone lo stesso valore legale.

requisiti necessari per richiedere all'Ente di Certificazione un dispositivo di firma digitale sono:

- aver compiuto 18 anni

- essere in possesso del codice fiscale (o analogo codice identificativo)

- essere in possesso di un documento d'identità valido

- disporre di una casella di posta elettronica (per tutte le comunicazioni da parte dell'Ente Certificatore)

I componenti del sistema sono il dispositivo di firma (smart card o token USB), che contiene i certificati, ed il lettore che permette la comunicazione della smart card con il computer.

La firma digitale si può apporre su qualunque documento informatico: bilanci e atti societari, fatture, notifiche, moduli per l'iscrizione a pubblici registri, comunicazioni alla pubblica amministrazione. I casi di utilizzo della firma digitale, tanto nella P.A. quanto nelle imprese, sono sempre più numerosi: si pensi ad esempio all'obbligo di trasmissione telematica delle pratiche societarie al Registro delle Imprese, o alla piena dematerializzazione dei mandati di pagamento.

Perché tutto questo sia possibile è necessaria un'infrastruttura tecnologica (PKI Public Key Infrastructure) gestita da un Ente Certificatore, ovvero da un soggetto iscritto in un apposito elenco tenuto dal CNIPA (Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione www.cnipa.gov.it), che abbia precisi compiti e responsabilità.

L'elemento di rilievo del sistema firma è rappresentato dal certificato digitale di sottoscrizione che viene rilasciato al titolare di una smart card. Il certificato di sottoscrizione è un file generato seguendo precise indicazioni e standard stabiliti per legge (al suo interno sono conservate informazioni che riguardano l'identità del titolare, la chiave pubblica attribuitagli al momento del rilascio, il periodo di validità del certificato stesso oltre ai dati dell'Ente Certificatore).

Il certificato digitale di un titolare, una volta entrato a far parte dell'elenco pubblico dei certificati tenuto dall'Ente Certificatore, garantisce la corrispondenza tra la chiave pubblica e l'identità del titolare.

La firma digitale può essere rilasciata su due diversi tipi di supporto:

- smart card/CNS che, simile a una carta di credito, viene connessa al PC utilizzando un apposito lettore

- token USB che può essere utilizzato, inserendolo nella porta USB di qualsiasi computer, senza l'installazione di alcun hardware o software.


Token usb

E' disponibile presso la CCIAA del Molise il token usb, la chiavetta USB portabile prodotta da Infocamere, facile da usare, inseribile in un qualsiasi computer senza necessità di installazione.

Il token usb, in particolare, consente di:

  • firmare digitalmente, con pieno valore legale, documenti informatici;
  • accedere in sicurezza ai servizi on line delle Pubbliche Amministrazioni, tramite la Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • avere disponibili e aggiornati, sulla chiavetta stessa, i documenti della propria impresa depositati presso la Camera di Commercio.

Il token usb non necessita di software e hardware particolari. E' utilizzabile sui più diffusi personal computer inserendola direttamente nella porta USB. E' sempre pronta per accedere a Internet, può contenere documenti e password personali, protette dai migliori sistemi di sicurezza. Contiene inoltre applicazioni d'appoggio come video scrittura, foglio di calcolo, sistemi antivirus e visualizzatore di documenti PDF.

Quindi estrema maneggevolezza e praticità, al servizio di professionisti ed imprenditori che spostandosi, potranno utilizzare computer diversi, all'insegna della massima efficienza ed operatività.

Le informazioni contenute sulla chiave non potranno essere utilizzate da altri, anche in caso di smarrimento, in quanto sarà necessario inserire un proprio codice d'accesso. Inoltre, la funzione di "Backup Utility" consentirà di salvare sul computer i documenti, le applicazioni e le configurazioni presenti nel token usb, in modo da poter ripristinare, in caso di furto o smarrimento, i contenuti su una nuova chiave.

Maggiori informazioni sono disponibili presso il sito internet http://www.card.infocamere.it/infocamere/pub/

Costi di rilascio:

- € 40,00 per diritti di segreteria per il primo rilascio all'impresa

- € 70,00 per gli ulteriori rilasci

Il pagamento dei diritti di segreteria per il primo rilascio è in misura ridotta per l'utenza in possesso dei requisiti previsti:

- essere legale rappresentante dell'impresa;

- aver presentato un'iscrizione o una variazione al Registro Imprese dal 1° gennaio 2007;

- non aver richiesto altre CNS gratuite.

L'operazione di rilascio ha una durata media di circa 15 minuti e si svolge obbligatoriamente alla presenza dell'interessato che viene identificato attraverso l'esibizione di un valido documento di identità personale. Non sono ammesse deleghe.


Smart Card/ Carta Nazionale dei Servizi

Il certificato di firma digitale è memorizzato su un supporto fisico, attualmente costituito dalla Carta Nazionale dei Servizi.

La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) rappresenta lo strumento ideale per la fruizione dei servizi in rete erogati dalla Pubblica Amministrazione. Si tratta di una carta a microprocessore che contiene un certificato di autenticazione che identifica il titolare e assicura l'autenticità delle informazioni.

La CNS contiene i dati identificativi del titolare, il codice numerico di identificazione della carta, le date del suo rilascio e della sua scadenza.

La CNS pertanto sostituisce ed amplia i servizi della smart card. Grazie alla CNS i cittadini potranno dialogare on line con la Pubblica Amministrazione per ottenere documenti, servizi ed informazioni (certificazioni anagrafiche, accesso ai servizi sanitari, ecc..).

Costi di rilascio

-gratuita per il primo rilascio all’impresa

-di € 25,00 per gli ulteriori rilasci

Il pagamento dei diritti di segreteria per il primo rilascio è in misura ridotta per l'utenza in possesso dei requisiti previsti:

- essere legale rappresentante dell'impresa;

- aver presentato un'iscrizione o una variazione al Registro Imprese dal 1° gennaio 2007;

- non aver richiesto altre CNS gratuite.

 


Rinnovo

La CNS ha durata triennale e può essere rinnovata, fino al giorno prima rispetto alla data di scadenza, per un ulteriore triennio:

- collegandosi al portale www.card.infocamere.it

- presso gli sportelli del Registro imprese delle sedi di Campobasso e Isernia.

Per procedere al rinnovo ON LINE è necessario:

1 scaricare il tool per il rinnovo dei certificati

2 inserire il dispositivo CNS con all'interno i certificati da rinnovare

3 lanciare il programma e seguire la procedura guidata fino al termine.

Nel caso in cui la procedura venga interrotta sarà possibile riprendere il rinnovo in un momento successivo. Il pagamento può essere fatto utilizzando il conto Telemaco.

Il rinnovo deve essere effettuato dal titolare del dispositivo direttamente online secondo le modalità indicate dall'ente certificatore di riferimento.

Per i dispositivi Aruba consultare www.card.infocamere.it per quelli InfoCert www.firma.infocert.it.

Sospensione, riattivazione e revoca

La sospensione e la riattivazione dei certificati possono essere richieste attraverso il sito www.card.infocamere.it (per dispositivi ARUBA) o dal sito www.firma.infocert.it (per dispositivi INFOCERT).

La revoca dei certificati deve invece essere effettuata dal titolare presentandosi presso la Camera di commercio con un documento di identità.

Per informazioni scrivi a questa email

Allegato: 
Contenuto aggiornato al:Lunedì, 4 Maggio, 2020 - 15:25