FAQ Attività ispettiva e servizio metrico

 

FAQ Attività ispettiva e servizio metrico

Quando sottoporre un bilancia a verifica metrica?
Le bilance sono sottoposte a verificazione con periodicità triennale che decorre dalla data di messa in servizio.
 
Come viene indicato l’esito della verifica?
In caso di esito positivo della verifica sullo strumento metrico viene apposta, un’etichetta verde, adesiva dove sono indicati il mese e l’anno di scadenza.
 
Quali sono gli obblighi del titolare di uno strumento metrico?
Deve comunicare entro 30 giorni alla Camera di Commercio della circoscrizione in cui lo strumento è in servizio la data di inizio dell’utilizzo dello stesso e quella della fine dell’utilizzo.
 
Cosa succede se il contrassegno di verifica è scaduto o sono stati rimossi i sigilli sullo strumento?
Il titolare dello strumento deve richiedere una nuova verificazione periodica almeno 5 giorni lavorativi prima della scadenza della precedente o entro 10 giorni lavorativi dall’avvenuta riparazione dello strumento, qualora tale riparazione abbia comportato la rimozione di etichette o di ogni altro sigillo anche di tipo elettronico.
 
A chi rivolgersi per l’esecuzione della verificazione periodica di uno strumento metrico?
La verificazione periodica viene eseguita da tutti i laboratori metrologici accreditati in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020:2012 oppure alla UNI CEI EN ISO/IEC 17065:2012.
 
Quando si può richiedere la verificazione metrica alle Camere di Commercio?
Successivamente alla verificazione periodica eseguita dai laboratori accreditati, è possibile richiedere un controllo (cd.a richiesta) inteso ad accertare il corretto funzionamento dello strumento.
 
Quale tipo di bilancia deve essere utilizzata per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari?
Premesso che ogni bilancia utilizzata nelle transazioni commerciali deve essere conforme alla normativa vigente in materia, è necessario anche che vengano rispettati alcuni requisiti in base alla seguente tabella merceologica:

Categoria merceologica Div. (e) dell’indicatore
Prodotti ortofrutticoli, pane, cerali e derivati 5 g
Generi di salumeria, latticini, formaggi, carni di ogni specie animale, ittiche incluse, alimenti dolci, caffè, thè, funghi secchi e tutti i prodotti alimentari non specificati ai punti a) e c) 2 g
Tartufi, spezie, erbe officinali e aromatiche 1 g

 

Contenuto aggiornato al:Venerdì, 14 Giugno, 2019 - 10:44