Vidimazione libri sociali

 

Vidimazione libri sociali

L'Ufficio del Registro delle Imprese provvede alla bollatura e numerazione dei libri sociali, nonché dei registri e scritture contabili (artt. 2215 e seguenti del Codice Civile).
L'Ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio del Molise è competente solo per la vidimazione dei libri dei soggetti aventi sede legale o sede secondaria nel territorio della Regione
Dal 25 ottobre 2001, è stato soppresso l'obbligo della bollatura del libro giornale, del libro inventari e dei registri previsti dalle norme fiscali, ad esempio IVA acquisti, vendite, beni ammortizzabili, ecc. (legge n. 383/2001 art. 8).

VIDIMAZIONI OBBLIGATORIE
È obbligatorio numerare progressivamente e bollare in ogni foglio i libri sociali di cui agli artt. 2421 e 2490 del Codice Civile:
- libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee
- libro delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione
- libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale

Gli importi sono così riferiti:
1. Società di persone, cooperative (escluse edilizie e sociali), consorzi
 - marca da bollo di € 16.00 per ogni 100 pagine o frazione di 100
 - tassa di concessione governativa di € 67,00 ogni 500 pagine o frazione di 500
2. Cooperative edilizie
 - tassa di concessione governativa pari a € 16,75
3. Le cooperative sociali sono esentate sia dal bollo sia dalla tassa di concessione governativa.
4. Società di capitali
 - marca da bollo da € 16.00 per ogni 100 pagine o frazione di 100 oltre al versamento della tassa di concessione governativa.

VIDIMAZIONI FACOLTATIVE
Per quei libri o registri per i quali l'art. 8 della legge 383/2001 ha soppresso l'obbligo di vidimazione, è ammessa vidimazione facoltativa, stante il disposto di cui all'art. 2188 del Codice Civile (l'imprenditore può facoltativamente richiedere la bollatura dei libri e registri ai fini dell'efficacia probatoria).
Libro giornale e inventari
1. Società di capitali
 - marca da bollo da € 16.00 per ogni 100 pagine o frazione di 100 oltre al versamento della tassa di concessione governativa.
2. Ditte individuali, società di persone, cooperative (escluse quelle edilizie e sociali) e i consorzi
 - marca da bollo da € 32.00 per ogni 100 pagine o frazione di 100
 - non è dovuta la tassa di concessione governativa.

Registri IVA
I libri fiscali sono esenti sia da bollo sia da tassa di concessione governativa; per la vidimazione sono dovuti esclusivamente i diritti di segreteria.

TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA
1. Società di capitali
versamento della tassa di concessione governativa da corrispondere entro il termine di versamento dell'IVA dovuta per l'anno precedente. L'importo da versare è di € 309,87.
Se il capitale sociale o il fondo di dotazione supera, alla data del 1° gennaio, l'importo di € 516.456,90 la somma da versare è pari a € 516,46.
Per il versamento si utilizza il modello F24 - codice tributo 7085 "tassa annuale vidimazione libri sociali".
Per l'anno d'inizio dell'attività la tassa è corrisposta mediante versamento sul conto corrente postale n. 6007 intestato all'Agenzia delle Entrate - Concessioni Governative - Ufficio di Pescara
2. Cooperative edilizie
l'importo dovuto è pari a € 16,75.
Sono escluse dal versamento le cooperative sociali.

DIRITTI DI SEGRETERIA
Tutte le imprese versano per ogni registro € 25,00 per ogni 500 pagine o frazione di 500 pagine

MODALITÀ DI RICHIESTA
La richiesta di bollatura dei libri deve essere presentata sull'apposito modello ministeriale L2, completo dei dati dell'impresa per la quale si chiede la bollatura (numero REA e codice fiscale) e sottoscritto dalla persona che presenta i libri all'ufficio del Registro delle Imprese.
Bisogna allegare l'eventuale attestazione del pagamento dei diritti di segreteria e la copia del versamento della tassa di concessione governativa (se dovuta).

Guida alla vidimazione dei libri

Contenuto aggiornato al:Venerdì, 5 Ottobre, 2018 - 12:17